Vai a sottomenu e altri contenuti

Separazione e divorzio

Separazione e divorzio

In senso giuridico con il termine ''separazione'' si individua l'interruzione della convivenza dei coniugi e la conseguente sospensione dei diritti e dei doveri che gli stessi avevano assunto con l'atto di matrimonio.

Con il termine ''divorzio'' si individua lo scioglimento definitivo del matrimonio

Nuove disposizioni in materia di separazione e divorzio

Dall'11 dicembre 2014 sono entrate in vigore delle procedure semplificate per separazioni e divorzi.

I coniugi che consensualmente intendono separarsi, divorziare o modificare le precedenti condizioni di separazione o divorzio possono:

avvalersi della procedura di negoziazione assistita, che consiste in un accordo con l'assistenza di almeno un legale per parte;
rivolgersi all'ufficiale dello stato civile ma solo nel caso in cui ricorrano determinate condizioni.

Entrambe le modalità sono equiparate ai provvedimenti giudiziali, escludendo quindi la necessità di rivolgersi al Tribunale.

In seguito all'entrata in vigore della legge 6 maggio 2015 n.55, dal 26 maggio 2015 i termini di separazione per pervenire al divorzio sono ridotti a mesi 6 nel caso di separazione consensuale, ad un anno nel caso di separazione giudiziale.

Separazioni e divorzi davanti all'avvocato

Per le soluzioni consensuali i coniugi possono concludere l'accordo di negoziazione assistita da almeno un avvocato per parte.

La procedura prevede che l'accordo debba essere munito di nulla osta rilasciato dalla Procura della Repubblica in assenza di figli minori, figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave o maggiorenni economicamente non autosufficienti o di un'autorizzazione rilasciata dalla Procura della Repubblica (previa valutazione dell'interesse dei figli) in presenza di figli minori, maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave o maggiorenni economicamente non autosufficienti.

Uno degli avvocati, una volta ottenuto il nulla osta o l'autorizzazione, dovrà trasmettere l'accordo entro 10 giorni (che decorreranno dalla data di consegna/comunicazione del nulla osta/autorizzazione a cura della Procura della Repubblica) al comune di celebrazione del matrimonio, in forma civile o in forma religiosa, o di trascrizione del matrimonio celebrato all'estero (da due cittadini italiani, o da un cittadino italiano e un cittadino straniero)

Separazioni e divorzi davanti all'Ufficiale di Stato Civile

Per richiedere la separazione o il divorzio in Comune è necessario che entrambe le parti siano d'accordo e che i coniugi non abbiano in comune fra loro:

  • figli minori;
  • figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave ai sensi dell'articolo 3, comma 3 della Legge 104/1992;
  • figli maggiorenni economicamente non autosufficienti.

Nella fattispecie per figli si intendono quelli comuni dei coniugi.

Accordi di trasferimento patrimoniale

L'accordo non può contenere patti di trasferimento patrimoniale. I coniugi però potranno pattuire l'obbligo di pagamento di una somma di denaro a titolo di assegno periodico sia nel caso di separazione consensuale sia in caso di divorzio.

I coniugi possono rivolgersi personalmente all'Ufficiale dello Stato Civile del Comune di: residenza di uno di loro, celebrazione del matrimonio, in forma sia civile sia religiosa, trascrizione del matrimonio celebrato all'estero.

Le modifiche delle condizioni di separazione o di divorzio

I coniugi, sempre a condizione che non vi siano figli minori o figli maggiorenni portatori di handicap grave o economicamente non autosufficienti, possono dichiarare congiuntamente innanzi all'ufficiale di Stato Civile di voler modificare le condizioni di separazione o di divorzio già stabilite limitatamente a:

  • attribuzione assegno periodico;
  • la sua revoca;
  • la sua revisione quantitativa.

Non potrà costituire oggetto dell'accordo innanzi all'ufficiale dello Stato Civile la previsione della corresponsione in un'unica soluzione dell'assegno di divorzio (cd. liquidazione una tantum).

Le fasi dell'accordo

Per procedere con la richiesta, occorre fissare un appuntamento con l'Ufficiale di Stato Civile, previa presentazione della dichiarazione sostitutiva di atto notorio e certificazione sottoscritta individualmente da ognuno dei coniugi (vedi allegati).

Il giorno dell'appuntamento dovranno presentarsi entrambi i coniugi muniti di documento d'identità in corso di validità. Non è ammessa alcuna rappresentanza.

I coniugi dovranno presentare la ricevuta del versamento di € 16,00 per diritti.

L'accordo dovrà essere sottoscritto dalle parti davanti all'Ufficiale di Stato Civile.

In quella sede sarà fissato, inoltre, un secondo appuntamento che dovrà avvenire dopo 30 giorni dalla firma dell'accordo. Alla data stabilita i coniugi dovranno ripresentarsi innanzi all'Ufficiale di Stato Civile per confermare o meno l'accordo sottoscritto.

La conferma dell'accordo farà decorrere gli effetti della separazione o divorzio dalla data della sua prima sottoscrizione. La mancata comparizione equivarrà, invece, alla mancata conferma dell'accordo.

Riferimenti normativi

  • Legge 1 dicembre 1970, n. 898 Disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio (G.U. n. 306 del 03/12/1970);
  • Decreto legge n. 132/2014 convertito con legge 10 novembre 2014, n. 162 recante misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell'arretrato in materia di processo civile. (G.U. n. 261 del 10-11-2014 - Supp. Ordinario n. 84);
  • Legge 6 maggio 2015, n. 55.

Costi

Diritto fisso pari a € 16,00, da pagare tramite:

  • versamento sul conto corrente bancario: codice IBAN IT58R0101587900000000014002, intestato al Comune di Nurachi
  • versamento sul conto corrente postale: ccp n. 16535098, intestato al Comune di Nurachi

(Causale: Diritti per accordi di separazione o divorzio)

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
Modulo di autocertificazione per accordo di scioglimento del matrimonio Formato rtf 98 kb
Modulo autocertificazione per accordo di separazione personale Formato rtf 86 kb

A chi rivolgersi

A chi rivolgersi - Referente
Ufficio/Organo: Servizi Demografici e Ufficio Protocollo
Referente: Giorgina Melis
Indirizzo: Piazza Chiesa n. 12, 09070 Nurachi (OR)
Telefono: 0783412085  
Fax: 0783412086  
Email: demografici@comune.nurachi.or.it
Email certificata: demografici@pec.comune.nurachi.or.it
Scheda ufficio: Vai all'ufficio
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto